Close
Skip to content

VITRUM DALLA SABBIA ALLA LUCE

RIAPRE OGGI IL MUSEO CIVICO GARDA DI IVREA

CON LA MOSTRA

 

VITRUM DALLA SABBIA ALLA LUCE

Scienza, storia e arte del vetro dalla scoperta ai giorni nostri

 

Apertura prorogata fino al 13 giugno 2021

 

Ivrea, 26 aprile 2021 – Dopo due mesi di chiusura riapre le porte al pubblico Il Museo civico Pier Alessandro Garda di Ivrea con la mostra “VITRUM Dalla Sabbia alla luce. Scienza, storia e arte del vetro dalla scoperta ai nostri giorni”, realizzata dal Comune di Ivrea con il contributo della Fondazione Guelpa, della Fondazione CRT e della Regione Piemonte. Si aggiunge il patrocinio di AIHV – Association Internationale pour l’Histoire du Verre, Comitato Nazionale Italiano.

Nel massimo rispetto dei protocolli sanitari vigenti la mostra riapre al pubblico da oggi, lunedì 26 aprile con proroga fino a domenca 13 giugno.

 

La mostra – nata dalla collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino e con la curatela di archeologi e storici dell’arte contemporanea – mira ad approfondire la conoscenza di un materiale affascinante (il vetro), poco rappresentato nelle collezioni museali, attraverso l’accostamento di reperti archeologici con opere d’arte provenienti da vari contesti, prossimi o lontanissimi nello spazio e nel tempo. Un’esposizione trasversale di grande portata storica e artistica, che dall’archeologia giunge fino all’arte contemporanea. Il percorso allestitivo, particolarmente curato, conduce e coinvolge il visitatore in un’esperienza immersiva ed emozionale, che affida alla luce e a cromie raffinate e di grande effetto il compito di dare voce e forma al racconto racchiuso nel vetro.

 

“La mostra Vitrum, grazie al comune denominatore del vetro, ha permesso di realizzare un’esposizione trasversale di grande portata storica e artistica, che dall’archeologia giunge fino all’arte contemporanea – commenta Costanza Casali, Assessore alla Cultura del Comune di Ivrea. L’allestimento, particolarmente curato, raggiunge pienamente l’obiettivo di coinvolgere il visitatore in un’esperienza immersiva ed emozionale, che affida alla luce e a cromie raffinate e di grande effetto il compito di dare voce e forma al racconto racchiuso nel vetro.

 

“Finalmente, dopo mesi di attesa, il museo torna ad accogliere il pubblico nelle proprie sale e offre l’opportunità di ammirare e scoprire alcuni autentici capolavori dell’arte vetraria – dichiara Paola Mantovani – Direttore del Museo Pier Alessandro Garda. L’esposizione è il frutto di un lungo lavoro di ricerca e collaborazione che vede coinvolti i maggiori istituti e musei nazionali. Prestiti prestigiosi e un allestimento ricercato hanno contribuito a rendere l’appuntamento con Vitrum un’occasione unica di conoscenza di un materiale poco rappresentato nei musei. La mostra, diffusa lungo tutte le sezioni del museo, permette di creare un dialogo tra antico e presente, e stimola inediti accostamenti e sublimi confronti che siamo certi potranno riempire di bellezza lo sguardo dei visitatori ed essere fonte di ispirazione per artisti e studiosi”.

La prima parte della mostra si pone in continuità con la sezione archeologica permanente del Museo, mirando ad arricchirne il panorama sulla vita quotidiana, le produzioni e i commerci dalla preistoria al medioevo grazie all’eccezionale occasione di presentare per la prima volta al pubblico i reperti in vetro rinvenuti nel 2019 nella necropoli di Volpiano, arricchiti dalla scelta di alcuni tra gli oggetti vitrei più significativi delle collezioni museali piemontesi, che consentono di ampliare l’arco cronologico dell’esposizione fino alle soglie del Rinascimento.

Nella seconda sezione, con un salto temporale, ma seguendo il filo delle affinità tecnologiche, è rappresentata la produzione delle vetrerie muranesi del Novecento, attraverso le opere di tre grandi geni artistici: Vittorio Zecchin, Napoleone Martinuzzi e Carlo Scarpa, al quale è oggi possibile attribuire un vaso della collezione Guelpa – Croff.

Chiude la mostra uno sguardo sulla contemporaneità italiana e straniera che, mediante le opere degli artisti giapponesi Tadao Ando e Yoichi Ohira, istituisce un legame con quattro vetri dipinti, della collezione orientale del Museo, recentemente restaurati.

A corredo della mostra il catalogo a cura di Angela Deodato e Paola Mantovani, edito da Pezzini.

INFORMAZIONI

ORARI DI APERTURA DEL MUSEO

Da lunedì a venerdì dalle ore 9,00 alle 13,00

martedì e giovedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle ore 18,30

sabato e domenica dalle 15 alle 19

sabato 1° maggio il Museo sarà chiuso per festività

Con la collaborazione

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Torino

Con il patrocinio

AIHV – Associazione Internazionale pour l’Histoire du Verre, Comitato Nazionale Italiano

Regione Piemonte

 

Progetto e coordinamento scientifico

Angela Deodato, Paola Mantovani, Stefania Ratto, Sofia Uggè

con la collaborazione Ferruccio Franzoia e Simone Lerma

 

Direzione e organizzazione

Angela Deodato, Paola Mantovani

 

Contatti Museo Garda

tel. 0125 634155 – 410 512 / 316

mail: musei@comune.ivrea.to.it

 

 

Ufficio Stampa mostra Vitrum

Manzoni22

T: 031 303482

Camilla Palma | cell. 347 0420386 | mail: camilla.palma@manzoni22.it

Silvia Introzzi | cell. 335 5780314 | mail: silvia.introzzi@manzoni22.it

Ufficio Stampa Manzoni 22
tel: 031 303482
Silvia Introzzi | cell. 335 5780314

mail: silvia.introzzi@manzoni22.it

Camilla Palma | cell. 347 0420386 mail: camilla.palma@manzoni22.it

  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Data

18 Mag 2021

Ora

14:30 - 18:30

Luogo

Museo Civico "Pier Alessandro Garda"
Ivrea TO
Categoria
Museo Civico

Organizzatore

Museo Civico "Pier Alessandro Garda"
Telefono
0125 634155
Email
musei@comune.ivrea.to.it
Sito web
https://www.museogardaivrea.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *