Skip to content

5° edizione di LAC en plein air

Dal 13 luglio al 6 agosto torna LAC en plein air, rassegna estiva del LAC che propone 12 appuntamenti serali gratuiti nello spazio dell’Agorà. Protagonisti della 5° edizione sono musica, versi, voci e parole: dalla poesia alla world music, passando per i concerti da camera dell’OSI.

12 appuntamenti per 12 serate negli spazi aperti del LAC: concerti in formazione da camera dell’Orchestra della Svizzera italiana, incursioni nelle sonorità del mondo offerte da musicisti e gruppi di origine e culture diverse, e occasioni di ascolto e visita che rendono omaggio agli artisti protagonisti delle esposizioni del MASI Lugano.
L’appuntamento inaugurale è una serata dedicata a Marcel Broodthaers, personalità artistica del Novecento protagonista della mostra presso il MASI Lugano nella sede espositiva del LAC intitolata “Marcel Broodthaers – Poesie Industriali”. Una serata di lettura di poesia performativa a cura di Marko Miladinovic, in cui i poeti Sergio Garau, Francesca Gironi, Eugenia Giancaspro e Stefano Raspini omaggeranno l’artista belga. Per l’occasione, l’apertura della mostra sarà prolungata e verrà offerta una visita guidata gratuita (13.07).
In programma due concerti da camera con due formazioni dell’Orchestra della Svizzera italiana si esibiranno: Irina Roukavitsina (violino), Paolo Beltramini (clarinetto) e Felix Vogelsang (violoncello), Monica Cattarossi (pianoforte) si esibiranno nell’opera “Quatuor pour la Fin du Temps” di Olivier Messiaen, inno alla libertà e alla rinascita (14.07). Il giorno seguente, durante la serata Note dipinte il duo Liviabella – Valiulina (OSI), al violino, eseguirà brani di Pärt, Bach e Ysaÿe, ispirando l’artista Domenico Sorrenti, che dipingerà su tela lasciandosi trasportare dalle suggestioni sonore (15.07).

Dal 21 luglio al 6 agosto protagonista sarà la World Music, con 9 appuntamenti a cura di Saul Beretta. Il primo concerto vedrà esibirsi il duo OY, formato da Joy Frempong (voce, tastiere ed elettronica) e Marcel Blatti (batteria e tastiera); parallelamente, presso la sede espositiva di Palazzo Reali, il MASI Lugano offrirà la possibilità di effettuare una visita gratuita alla mostra del fotografo ghanese “James Barnor: Accra/London – A retrospective”, testimone dei cambiamenti sociali, culturali e politici del suo tempo, tra cui l’indipendenza del Ghana, la diaspora africana e la vita della comunità africana a Londra durante gli anni ’60 (21.07). Il giorno seguente sarà in concerto Camille Bertault, una delle musiciste francesi più originali ed eclettiche del momento, che mescola generi e influenze diverse, come musica classica, jazz, pop, rock, brasiliana e improvvisata (22.07). Il trio Sutari (Basia Songin, Kasia Kapela e Dobromila Zyczynska) si ispira all’antica tradizione vocale femminile di Polonia, Ucraina e Lituania chiamata sutartinés: una trasposizione tra passato e presente dove voci narranti e cantanti tessono storie e musiche (23.07). La pocket orchestra Bandakadadra torna per il secondo anno, con un nuovo progetto intitolato “Post / Funeral Music”: 8 elementi, con ospiti Mr. T-Bone (trombone) e Giovanni Falzone (tromba), per un concerto spettacolo che ripropone il repertorio delle Funeral March di New Orleans (28.07).

Pianoforte e sitar sono i protagonisti di “Anima mundi” del trio Atlantis: Roberto Olzer (pianoforte), Deobrat Mishra (sitar) e Prashnat Mishra (tabla) propongono un viaggio che unisce la profondità spirituale dell’India e la ricchezza armonica dell’Occidente (29.07). “Paradiso” è il concerto-spettacolo di Phase Duo, ovvero Eloisa Manera (violino elettrico) e Stefano Greco (elettronica e monochord): ripercorrere secoli di storia della musica rielaborando alcuni capolavori del passato accanto ad autori e tecniche della contemporaneità (30.07).
Con il Damir Imamovic trio si potrà scoprire la sevdah, considerata il fado del centro Europa: una musica struggente capace di unire nello spazio di una canzone Istanbul, Sarajevo e Vienna (04.08). Ancora fado con Lula Pena, una delle voci più interessanti dell’attuale panorama musicale portoghese che reinterpreta il celebre genere musicale consegnandolo al nuovo millennio grazie a una poetica contemporanea (05.08). L’ultimo appuntamento di LAC en plein air è la performance “Miss Sodadi” di Beth e Patricia Carvalho, madre e figlia che porteranno melodie e ritmi tradizionali della morna, musica tradizionale della Repubblica di Capo Verde (06.08).

LAC en plein air è dal 13 luglio al 6 agosto alle 21:00 presso l’Agorà del LAC. In caso di brutto tempo gli eventi si svolgeranno nella Hall. Tutti gli eventi sono gratuiti e a entrata libera.

Data

13 Lug 2022 - 06 Ago 2022
Expired!

Ora

19:00

Luogo

Lugano
Lugano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.